Il giovane e talentuoso Giovanni Bucci, motion designer di origine italo-tedesca, ha di recente presentato il suo ultimo lavoro, Addictions.

Addictions – directed by Giovanni Bucci from GiovanniBucci.com on Vimeo.

Due minuti che catturano in un vortice di musica, effetti visivi e forti accostamenti cromatici, grazie alla combinazione di animazione stop motion, motion graphic, styling e make up, sound design, un mix unico nell’elaborazione dell’immagine che ha fatto apprezzare questo artista in Italia e all’estero.

Nel video viene affrontato il tema delle dipendenze, soprattutto quella da tecnologia. Come lo stesso autore spiega presentando il suo progetto, l’intento è una valutazione sul ruolo che la tecnologia ha assunto nelle nostre vite. Dapprima vista come un’occasione di miglioramento, la diffusione dell’elettronica di consumo ha rivelato anche delle ambiguità, come ad esempio quella di creare dipendenza e alienazione, assimilare acriticamente le informazioni, essere utilizzata come infido strumento di controllo.

Nella clip questi concetti vengono espressi dalla modella che si esibisce e al contempo è intrappolata dietro ad uno schermo, in un ambiente artefatto, mossa da fili come una marionetta, e dall’uomo dal volto coperto che ne ha il controllo remoto, in un crescente susseguirsi di immagini frammentate. Il continuo scambio di ruoli rende incerta ed inestricabile l’individuazione di chi stia governando l’altro, e di dove corra il confine tra reale e virtuale. I cavi tentacolari bloccano la ragazza in un mondo artificiale, dal quale lei ad un certo punto cerca strenuamente ma invano di uscire; ma sono anche le briglie che legano l’uomo ai suoi stessi mezzi informatici, ai quali è man mano sempre più asservito.

È il pericolo di non avvertire la trama della matrice, il potenziale costruttivo ma anche orwelliano insito nella tecnologia, il cui impiego acritico è messo in luce dal romanzo X (Little Brother, 2008) di Cory Doctorow. È anche l’indizio delle estreme conseguenze a cui può portare l’ossessione dell’universo mass-mediatico, in cui attore e regista si prevaricano a vicenda, in un efferato gioco di intercambiabilità tra cavia e burattinaio, spettatore e partecipante, come narrato in Cavie del geniale Chuck Palahniuk.